marketing B2B fpastoressa

Considerazioni inattuali sul marketing B2B

Forse in un futuro marketing B2B e marketing B2C si fonderanno in un’unica disciplina.

Gli strumenti e i processi, con varie sfaccettature, sono gli stessi. In entrambi i casi bisogna vendere qualcosa alle persone – o alle aziende, ovvero un aggregato di persone. Ciò che cambia è il modo di presentare le cose, di come si mischiano le carte in tavola e delle facce che diamo a queste carte.

Perché? Proprio perché sono le persone (=aziende) che si presentano in modo diverso. Ma in entrambi i casi – in tutti i casi – si fa riferimento ad un substrato comune, mutabile allo stesso modo e prevedibile allo stesso modo: le persone.

Persone, persone, persone: questo è il marketing.

Pensate che ci si occupa di gestire le risorse e i materiali di una multinazionale del settore automotive non legga Facebook, o non vada a sbirciare qualche Tweet alla pausa o davanti alla macchinetta del caffè? E se magari, nel bel mezzo di un processo decisionale in cui questa stessa persona è sommersa da brochure, bellissimi video esplicativi e strabilianti presentazioni Power Point incappasse in un semplicissimo post Facebook dove viene descritto il problema e viene data la soluzione, proprio quella sulla quale quel manager stava discutendo poco fa?

Basta un click, in fondo informarsi così non costa nulla ma anzi, è quasi divertente!

Ecco la potenza del marketing digitale: utilizzare strumenti consumer per risolvere problemi business, sfruttare la quotidianità insinuandosi nella professionalità.

“Semplice” psicologia vero?

Forse è proprio un fatto sociale (non social): quanto più gli strumenti quotidiani, di consumo, di “svago” o consumer si insinueranno nella vita professionale, tanto più la – già – sottile linea tra B2B e B2C si assottiglierà, rendendosi così sottile da essere quasi invisibile.

Il marketing è fatto da persone e le persone vivono nella società.

Se cambia la società cambiano le persone, e se cambiano le persone deve cambiare anche il marketing.

Matematica.

segreto web marketing fpastoressa
Il segreto del web marketing
dicembre 5, 2017
abito fa il monaco fpastoressa blog
L’abito fa il monaco
ottobre 29, 2018
marketing e vendite fpastoressa
Il Marketing è un gioco di squadra
marzo 6, 2018
1 Comment
  • Reply
    Se vendi un prodotto non venderai niente - f/pastoressa
    ottobre 1, 2017 at 1:35 pm

    […] Prima di tutto, specifichiamo una cosa: il marketing può essere applicato a qualsiasi cosa, a qualsiasi settore e oserei dire che non fa distinzioni (con i dovuti casi limite) sia che si tratti di B2C, B2B, prodotti one-shot o servizi. Cambiano gli strumenti (ma non sempre, soprattutto oggi), ma non i processi e le strategie. Questo perché il target è sempre l’essere umano (ne avevo parlato nel mio post sulle differenze tra B2B e B2C che puoi leggere QUI). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *