Copywriting: le basi [GUIDA]

Scrivere online è molto diverso dallo scrivere per un giornale. È talmente diverso che esiste un nome per definire questa pratica: COPYWRITING.

Per questa diversità, il copywriting (specialmente per i blog) segue delle regole proprie, ben definite e basiche (che ti serviranno per essere letto – a prescindere dal contenuto che deve essere sempre SEMPRE di valore).

1

Definisci l’OGGETTO del post.
L’argomento di cui vuoi parlare. Deve essere unico, originale e di valore.

2

Individua il TARGET, ovvero a chi ti rivolgi.
A chi vuoi parlare? Online utilizza sempre il TU. Elimina le distanze!


Ora arriva la parte pratica. Qui dovrai mettere in atto tutte le strategie proprie del marketing online e della scrittura persuasiva. Questa è la parte in cui la creatività si fonde con la tecnica.


3

INTRODUZIONE – BODY – CONCLUSIONE
Prima ancora di scrivere, tienili bene a mente. Pensali e immagina subito come farli.

4

INTRODUZIONE
Devi catturare l’attenzione, non dare una notizia. Crea interesse, fai distrarre l’utente e portalo sulle tue righe. Sfrutta numeri, dati, sii ironico, sviscera subito il fatto più interessante, crea unicità già dalle prime righe. Importante è collegarsi al titolo (headline).

5

BODY
Parla della tua notizia. Puoi anche essere breve (anzi, devi esserlo!). Una volta che gli utenti arriveranno qui, ti leggeranno – paradossalmente puoi dire di tutto perché chi arriva qua ha già la tua attenzione.

6

CONCLUSIONE
Non è la solita conclusione, ma si tratta del tratto distintivo di un blog, della scrittura online. Tieni a mente che scrivere online è sempre uno scrivere “per far fare qualcosa”. Nella conclusione dovrai creare un invito all’azione. Contattami, iscriviti alla newsletter, scarica la mia guida, leggi quest’altro post… Nella tecnica si chiama “Call to Action” (CTA). Facci caso: tutti gli articoli nei blog ce l’hanno (e se non la vedi significa che è fatta davvero bene). Devi essere originale e sperimentare: creatività, mimetizzazione e naturalezza sono le armi vincenti.

E ora, l’elemento più importante. Senza di lui non otterrai niente; facendolo male vanificherai tutto il tuo lavoro. È la parte più difficile ma anche la più intrigante, dove puoi sperimentare di più e tentare le tecniche più varie.

7

HEADLINE
Il titolo. L’acchiappa attenzioni. Ogilvy (se non lo conosci leggi qui) diceva che “On the average, five times as many people read the headline as read the body copy. When you have written your headline, you have spent eighty cents out of your dollar.”

Breve. Conciso. Chiaro. Devi fare il possibile per attirare l’attenzione, devi letteralmente distrarre l’utente e portarlo (trascinarlo!) nel tuo articolo. Le tecniche più utilizzate:

  • Domande
  • Numeri
  • Problema -> Soluzione (la leva più forte nel marketing)
  • Bisogno
  • Ironia
  • Perché… Sapevi che… Ecco come… N° consigli per…

 

creatività e marketing fpastoressa
E se la creatività fosse misurabile?
settembre 24, 2018
libri marketing fpastoressa
3 autori di marketing che devi conoscere come il Padre nostro
gennaio 2, 2018
marketing e psicologia pastoressa
Gli imprenditori devono andare dallo psicologo?
aprile 18, 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *